Seguici anche suFacebookTwitterGoogle PlusYoutube
  • English
  • Italiano
FOCUS
focus arrow
FIA still satisfied as Formula 1 rivals query 'strange' Ferrari F1 Red Bull, Horner: «Alonso? No, grazie» MotoGP. Joan Mir firma con Suzuki Lewis Hamilton believes his car failed before he went off in F1 qualifying Sergey Sirotkin explains French Grand Prix practice pit gaffe Canadian GP: Haas F1 drivers told not to crash amid lack of spares Tyre warmer ban and 18-inch wheels in 2021 Formula 1 package Spunti, considerazioni, domande dopo le qualifiche del GP d'Italia F1 Canada, Hamilton: «Qui non si vince partendo quarti» F1, diretta Gp Germania ore 15.10: dove vederlo in tv MotoGP 2018. Dovizioso: "Settimo? Al Mugello non è un problema" F1 Austria, Arrivabene e l’orgoglio Ferrari: «Lasciate guidare Raikkonen» Moto2. Dominio assoluto di Bagnaia. Fenati bandiera nera Orari TV MotoGP. GP di Catalunya 2018 a Barcellona F1, Mercedes, Wolff: «Niki Lauda mi manca molto» Force India Formula 1 team has no animosity towards Sergio Perez Hungaroring F1 test: Giovinazzi blitzes Vettel's record for Ferrari Norris: '19 F1 drive unlikely without McLaren Autosport BRDC Award win Kevin Magnussen laments 'hopeless' Singapore F1 qualifying McLaren woe showed Honda what it had 'lost' in Formula 1 absence

LORENZO (1°) IMPRESSIONA. ROSSI (17°) PURE

La bella cover scelta da MotoGp dopo le prove di oggi

SkeetGp

“Sachsenring, we have a problem!”. Prendiamo spunto dal film “Apollo13” per spiegare in breve che cosa ha detto questa prima giornata di prove libere del Gp di Germania MotoGp.

Punto primo. Avviso ai tifosi che generalmente al sabato si alzano un po’ più tardi per dormire un po’ di più. Ebbene no, domattina farete bene a scendere dal letto presto e dopo una bella colazione sedetevi davanti alla tv alle 9,50 per vedere le prove libere3.

C’è il rischio, visto i risultati di oggi, di assistere ad una vera e propria gara nella gara, con la bellezza di 18 piloti racchiusi in un secondo. Ragion per cui, per aggiudicarsi i primi 10 posti ed evitare le forche caudine della Q1 dalle ore 14, c’è gente che venderà cara la pelle.

lorenzo_3.jpg
Lorenzo imprendibile al Sachsenring

Punto secondo: il mondo dei motori, in Germania,  oggi ha girato alla rovescia. Nel senso che ci si aspettava il Re del Sachsenring Marc Marquez davanti a tutti ed invece nelle prime quattro posizioni ci sono 3 Ducati e una Suzuki. Ancora una volta, la voce grossa l’ha fatto Jorge Lorenzo, che magari sarà presto un ex di Borgo Panigale, ma che proprio da quando ha firmato per Honda, sta sparando una serie di risultati che lasciano basiti.

Ieri nelle seconde libere (ripeto, seconde libere) ha realizzato un tempo-monstre 1’20”885 a meno di mezzo secondo dalla pole position di Marquez datata 2015! E’ una Ducati completamente trasformata quella di quest’anno, capace finalmente di andare bene su tutte le piste e con tutti i piloti, visto che al 2° posto troviamo Petrucci, e al 4° Dovizioso che solo per un centesimo ha fatto peggio di Iannone su una Suzuki che in prova è sempre tra i primi, per poi perdersi alla domenica.

marquezalemania.jpg
Marc Marquez ha il passo migliore

Punto terzo. Sin qui i numeri, nudi e crudi che potrebbero ingannare. Anzi, inganneranno di sicuro. Sì, perché Marquez, del gruppo di testa (5° tempo a quasi mezzo secondo) è quello che ha il passo migliore di tutti: in mattinata ha usato gomme morbide, al pomeriggio gomme un po’ più dure ed è andato fortissimo con entrambe. Ragion per cui, quando userà pneumatici nuovi di pacca, c’è il rischio fondatissimo che assisteremo a veri e propri fuochi d’artificio. Chi intanto si gode la ipotetica pole è Lorenzo, felice come una Pasqua: “Essere in prima posizione e dimostrare di essere competitivi è importante. Domani proveremo a migliorarci ancora di più, anche se il passo gara di Marquez fa spavento”. Dovizioso ne conviene: “Bella giornata per noi, bene al mattino e al pomeriggio. Però siamo in tanti ad avere un buon ritmo e Marquez, comunque sia, non è lontano”. Lui, il Re del Sachsenring (è dal 2010 che nessuno lo batte qui), gioca a fare il perfezionista: ”Non sono ancora in grado di far scorrere la moto come voglio. Devo trovare un modo per farlo, poiché è importante su questa pista. Gli pneumatici?  Il consumo è abbastanza alto. Se sbagli la scelta, sei fregato”.

rossi_guai.jpg
Rossi non riesce a farsi capire dalla Yamaha

Punto quarto. E qui cominciano i guai. Perché se Lorenzo fa il fenomeno, Valentino Rossi ha fatto il fenomeno al contrario. Ritrovarsi 17° per uno che tenta di ridurre il distacco da Marquez, non è il massimo. Lui chiede, ma la Yamaha non lo ascolta. I problemi invece di diminuire aumentano e prima o poi, se continua così, il Dottore potrebbe anche scocciarsi di brutto. A sentirlo c’è da mettersi a piangere: “Prima abbiamo lavorato con gomme usate per capire che passo potevamo tenere e ci siamo accorti che non è nulla di fantastico. Poi abbiamo provato qualche modifica per migliorare l’accelerazione. Ma anche con gomme nuove passi in avanti non ce ne sono stati”. Il problema è sempre e solo uno: “Non riusciamo a mettere i cavalli a terra e consumiamo la gomma posteriore, così la moto diventa difficile da guidare”. E poi viene al nocciolo della questione: “Lo scorso anno Honda e Ducati, dopo la pausa estiva, si sono presentate con delle moto evolute e incredibili. Noi no. Io spero sempre che cambi qualcosa, gli ingegneri giapponesi mi dicono sempre sì, ma io (ride…) non so se capiscono quello che chiedo…”

petrucci.jpg
Petrucci, la sorpresa di giornata

A guardare i cronologici, c’è da mettersi le mani nei capelli: “Marquez è il migliore, poi arrivano Lorenzo e Dovizioso e dopo di loro un gruppo con Petrucci, Viñales. Magari se riesco a stare con loro…” E infine la chiusura, che sembra quasi un pianto greco. “Le gomme? Il problema non sono gli pneumatici, il problema è la moto…”.

Coraggio, domani è un altro giorno, come diceva Rossella O’Hara in “Via col vento”…

Aggiungi un commento