Seguici anche suFacebookTwitterGoogle PlusYoutube
  • English
  • Italiano
FOCUS
focus arrow
Toro Rosso adds Ferrari-style channelled mirrors for British GP Storie di MotoGP. Il GP del Giappone 2018 Resurfacing front part of Sochi F1 grid 'wrong' - Sebastian Vettel MotoGP 2018. Dovizioso: "Non è stato facile, ma non ho fatto errori" Toro Rosso: James Key still under contract following McLaren announcement F1 Austin, Hamilton: «Mick Schumacher è in gamba, non ha solo il cognome» Raikkonen only started talks to return to Sauber F1 team at Monza F1 Gp Russia, Vettel: «Terzo posto ok, ma volevamo di più» Racing Point paid £90million for Force India Formula 1 team Mercedes' Wolff takes blame for Hamilton Russian GP pitstop timing F1 Force India, Ocon: «Vi prometto che non mi arrenderò» MotoGP 2018. Il GP di Aragón da 0 a 10 Mercedes cautious about Esteban Ocon's 2019 Williams F1 seat chance Ferrari F1 engine upgrade makes debut with customers in Hungary Minor crash for Vettel in Milan F1 live demo ahead of Italian GP Vettel leads Hamilton by just 0.081s in final Italian GP practice 'Unfair' Vowles had to confess to Mercedes Austria error - Horner Ricciardo: Renault's spec C engine progress good sign for my future F1 Ungheria, Wolff: «Cercheremo di chiudere con più punti possibile» New Williams F1 front wing 'a step in the right direction'

DHL CONTINUA A FARE "STRIKE" NEL MONDO DELLA LOGISTICA APPLICATA AI MOTORSPORTS.


SkeetGp

Acquista la compagnia britannica D.O.T. specializzata in alcune nicchie di attività.

Una notizia che arriva dal mondo dei motori conferma la tesi da noi sostenuta, di recente, ovvero del "monopolio" operativo del marchio DHL, presente come partner esclusivo (nel settore della logistica) di nove eventi di motorsports di assoluto livello (rispetto alla top ten del settore), dalla Formula One (Liberty Media) alla MotoGP (gestita dagli spagnoli di Dorna Sports S.L.), passando per la World Superbike (destinate alle moto derivate dalla serie), sempre in mano alla realtà iberica.

dot_2.jpg
Delivered Time Limited (D.O.T.)

Lo studio tax & legal britannico "Shorts" ha collaborato con la legal company "Keeble Hawson" (con base a Sheffield), operando da lead-advisor e rappresentante legale per gli specialisti della logistica di F.1, Delivered Time Limited (D.O.T.), per la sua vendita al colosso DHL, per una somma (per il momento) non rivelata ai media economici. Solo il brand G.A.C. (il quartier generale è all'interno del Jebel Ali free zone a Dubai negli Emirati Arabi Uniti) sta provando a contrastare questo predominio, puntando sul FIA World Rallycross Championship, che si sviluppa su 12 prove in giro per il mondo. Un evento sicuramente di profilo internazionale, ma con una mediacità assolutamente inferiore al resto delle manifestazioni sportive suddette. La notizia quindi dell'acquisizione di Delivered on Time, da parte di DHL, conferma la tesi di una volontà assoluta di assorbire e/o controllare anche società di dimensioni minori specializzate per esempio in specifiche nicchie di mercato.

DHL fa parte del gruppo tedesco Deutsche Post, con un fatturato annuo stimato di oltre 262 milioni di euro (solo nel 2017). Con questa operazione DHL pertanto, si rafforza ulteriormente nel settore della logistica, soprattutto quella collegata ai motorsports, non consentendo di fatto ad altri operatori neppure di provare a scalfire questa leadership assoluta, anche se in "conflitto", idealmente parlando, proprio con quella idea sana di libero mercato e concorrenza, che dovrebbe essere alla base di qualsiasi comparto merceologico. 

D.O.T., con sede a Feltham in Inghilterra nel Middlesex, è stata fondata nel 2005 presentandosi come un partner attivo nella logistica degli sport motoristici, così come dei grandi eventi, delle produzioni televisive, ecc. Sin dalla sua nascita ha fornito servizi di logistica per team e sponsor nella Formula Uno, occupandosi soprattutto delle attrezzature/allestimenti delle aree ospitalità per le attività corporate. Oltre a ciò, per tre anni, sempre D.O.T. è stato il logistic provider del circuito A1GP World Cup, gestendo oltre 210 mila kg di attrezzature attraverso trasporti aerei speciali per ben 22 diversi team (in tutti e cinque i continenti per 10 grand prix). Negli anni successivi si è specializzata nel trasporto, anche marittimo, nel mondo dei rally (spostando in ogni angolo del mondo sia veicoli, sia attrezzature ed equipaggiamento destinato alle gare ufficiali). Tutte queste attività sono state gestite attraverso la "sea division" aziendale conosciuta come Seacon UK. Molti team del mondo di rally come Proton, M-Sport (Ford), Mitsubishi e Skoda, si sono affidati, in questi ultimi anni, a Delivered on Time ltd. Oltre a ciò l'azienda inglese è collegata alla BIFA (British International Freight Association) e al MIA (Motorsport Industry Association), di cui è membro. Una realtà rispettata nel settore a livello di reputazione per i servizi forniti ai suoi numerosi clienti. 

keebles-800-x-500-800x500_c.jpg
Paul Fowler, Matt Ainsworth, ​

Paul Fowler, azionista e amministratore delegato di Delivered on Time Limited, resterà come capo del settore Motorsports per DHL e come parte dell'accordo sarà responsabile del business.

Matt Ainsworth, partner di Keeble Hawson, ha dichiarato: "Delivered on Time ha costruito una solida esperienza come specialista della logistica di F1. Questo importante traguardo offre all'azienda un enorme potenziale per raggiungere la sua visione della crescita come parte di DHL.”

In sintesi, qui non contestiamo l'assoluto prestigio e accuratezza nei servizi forniti da DHL ai suoi clienti/partner in lungo e largo per il mondo, quanto piuttosto il fatto che la stessa FIA o FIM (Federazioni internazionali dell'auto e del motociclismo) non stiano ragionando assolutamente sul fatto che il settore della "logistica" dovrebbe essere "aperto" ad un maggior numero di operatori, perchè, comunque, utilizzare, al 90%, un solo brand (DHL) non dà agli addetti ai lavori (a partire dai team) un parametro di confronto concorrenziale. E questo ripeto non risponde alle basilari leggi del cosiddetto "libero mercato".