Seguici anche suFacebookTwitterGoogle PlusYoutube
  • English
  • Italiano
FOCUS
focus arrow
McLaren Formula 1 team decision-making has been 'gridlocked' Force India reveals major F1 car update for Singapore Grand Prix F1 McLaren, Boullier: «Bisogna proseguire nello sviluppo della MC33» F1 Belgio, Arrivabene: «Noi i maghi dell'asciutto» Gp Austria: la Mercedes di Bottas si rompe dopo pochi giri Pierre Gasly: Stoffel Vandoorne crash caused 'rallycross' race F1 Germania, vince a sorpresa Hamilton, Vettel fuori Mercedes F1 boss Wolff blames 'politics' and 'lies' for Ocon plight F1 Belgio, Ferrari più veloci, ma Raikkonen dice: «È soltanto venerdì» F1 'ticking timebomb' now exploding with 2018 dramas - McLaren Raikkonen out of Ferrari F1 line-up for 2019, Leclerc set for seat F1, GP di Miami posticipato al 2020 Niki Lauda è gravissimo dopo un trapianto di polmone Robert Kubica ready to race in F1 as Williams shot looms F1 Singapore, Ferrari, Raikkonen: «Il risultato? Una sorpresa per noi» MotoGP 2018. Rossi: "Pedrosa? Il più forte senza aver vinto il Mondiale" Rival F1 teams question Mercedes boss Toto Wolff's third car idea Podcast: Hamilton triumphs on F1's return to France at Paul Ricard MotoGP 2018. GP Repubblica Ceca. Lo sapevate che...? Did Valtteri Bottas deserve a penalty in F1's Hungarian Grand Prix?

LE TRISTI FAVOLE DELLA FORMULA 1: STORIE DI CAVALLI E CAVALIERI

Vettel vince in terra Mercedes

Sala Stampa F1

Once upon a time, c'era una volta, più semplicemente...il classico incipit dei più classici racconti di dame e cavalieri, il via alla narrazione dell'epopea di imperituri regni, di gesta eroiche e trionfi in battaglia. Ma anche la storia di tristi principi, di reali disfatte, di favole senza lieto fine.

hamilton_vettel.jpg
British GP, vince Vettel

In molte discipline sportive la competizione è feroce, la lotta per il potere, per il comando è senza quartiere, il rispetto degli avversari viene molto spesso dimenticato; il povero De Coubertin non riesce a trovare pace nel suo eterno riposo. Ed anche le più semplici norme di comportamento, educazione ed affini, vengono lasciate in soffitta; i campioni dello sport, di sovente elevati a fulgidi esempi pedagogici, troppo spesso cadono rovinosamente, e non solo in senso figurato. Il mitico terzo tempo, ovvero quel momento di conviviale socializzazione al termine delle varie contese, utile a calmare gli animi e a stemperare le tensioni tra i giocatori ed avversari, di origine anglosassone casualmente, ultimamente viene allegramente calpestato.

Rispetto dell'avversario, cestinato; rispetto delle regole e del cerimoniale, dimenticato. La liturgia di rotolanti e doloranti calciatori in preda ad incredibili quanto indifendibili raptus agonistici, sinora ha fatto pochi proseliti. Ma da che mondo e mondo, accusare il giudice, l'arbitro, l'avversario di losche manovre, di dolose trame, di indebiti favoritismi, beh trattasi di pratica vetusta quanto becera.

E guarda un pò, quando nella tranquilla terra d'Albione, nel dorato regno del monarca Luigino IV a bordo del suo argenteo destriero si insinua una rossa puledra italica dal forte temperamento guidata dal biondo principe teutonico Sebastian IV, che rischia di pensionare il dominus britannico, bastano alcuni episodi, fortuiti e non voluti, del gioco parte, e non cercati, per far scoppiare un bel putiferio.

arrivabene_wolff_0.jpg
Arrivabene -Wolff

Bocca mia taci, dovrebbe essere il mantra degli addetti ai lavori dello sport in talune occasioni; invece no: bla bla car in liberta', insulti ed accuse a briglie sciolte; l'hanno fatto apposta, ci hanno danneggiato scientemente, ci sono venuti addosso, si vergognino, non si fa cosi'....D'accordo, per 2 volte nelle ultime 3 gare nelle fasi di partenza 2 Ferrari hanno speronato 2 Mercedes, nella Formula 1 ci sta e c'è sempre stato, a parti invertite e non solo. Non si tratta di lesa maesta', ma di cose che capitano. Certo, se accade nel maniero di casa Hamilton&Mercedes, l'evento non passa inosservato ed ha ben altra risonanza; ma ricorrere al piu' classico e becero degli insulti, riassumendo, "italiani mafia", beh, non ci siamo, affato.

Da parte di chi, poi, ha giganteggiato nelle ultime stagioni, maramaldeggiando in pista e vincendo tutto quanto c'era da vincere, la cosa non ci piace. Incomincia a vacillare il dominio anglo-tedesco, ed il gigante comincia a randellare a destra e a manca. Italians do it better, spesso e volentieri, ma senza secondi fini, e reconditi significati. E la Ferrari ha la storia, lunga e gloriosa dalla sua parte. Sbagliare si puo', criticare pure, sia ben inteso, ma entro limiti invalicabili. Che rombino i motori, ma tacciano i detrattori.      

TOP FOCUS

Foto di Alessio De Marco, Avans Images
11/Set/2018
Honda e Mercedes, scuderie top di F.1, hanno scelto di "firmare", entrambe nel ruolo di title-sponsor, i rispettivi gran premi "domestici": a Suzuka in...
Romano Fenati
12/Set/2018
Il dio Crono, nella mitologia greca pre-olimpica, divorava i suoi figli per paura che si avverasse una profezia avversa: qualcuno dei tuoi pupilli, prima o poi...
San Marino 2018: Lorenzo in pole
08/Set/2018
Claudio Domenicali, grande boss della Ducati, ha guardato le qualifiche del Gp di San Marino a Misano, sprofondato in una poltroncina all’interno dei box. Lo...
09/Set/2018
Se cercate sul dizionario il significato della parole “follia”, ne trovate tantissimi: dallo “stato di alienazione mentale determinato dall’abbandono di ogni...