Seguici anche suFacebookTwitterGoogle PlusYoutube
  • English
  • Italiano
FOCUS
focus arrow
MotoGP 2018. Dovizioso: "Pista tutta da interpretare per le buche" F1, diretta Gp Germania ore 15.10: dove vederlo in tv F1 Belgio, Libere 2: freccia Raikkonen, 4° Vettel Kimi Raikkonen escapes penalty for Kevin Magnussen qualifying incident How Red Bull followed McLaren's Formula 1 design lead Ferrari, Marchionne verso l'addio: presidenza a John Elkann F1 Monza, Haas irregolare, Grosjean squalificato MotoGP 2018. Dovizioso: "Arrabbiato e deluso" Manzi: "Sono pronto a perdonare Fenati" Nico Hulkenberg proud to have 'survived' pay driver era in F1 The updates the Haas Formula 1 team hopes will rescue its season Brendon Hartley fears F1 penalty after Honda problem MotoGP. L’impresa impossibile di Danilo Petrucci The early-90's tech that can help modern F1 - Motorsport Show video F1 Toro Rosso, c'è già un nome per il sostituto di Gasly F1, Alonso secondo miglior pilota di metà stagione F1 McLaren, Alonso: il pilota dei record What's left to sort in F1's crazy 2019 driver market Why Honda's Formula 1 engine is 'a lot stronger' than people think McLaren picks Lando Norris to replace Stoffel Vandoorne for F1 2019

SNP TALENT SCALDA I MOTORI, CHI VUOL ESSERE PILOTA SIA!

Emanuele Pirro consegna la coppa a Thomas Dennis Calvagni
Emanuele Pirro consegna la coppa a Thomas Dennis Calvagni
Enzo Orifici
Enzo Orifici
Gabriele Bannò
Gabriele Bannò
Kart Cross - Maurizio Rizzo
Kart Cross - Maurizio Rizzo
Mario Longo- Formula Azzurra
Mario Longo- Formula Azzurra
Michele Bordonaro -Peugeot gruppo N
Michele Bordonaro -Peugeot gruppo N
Nicola Castiglione -Autodromo Racalmuto- SNP
Nicola Castiglione -Autodromo Racalmuto- SNP
Nicola Castiglione -FORMULA 3
Nicola Castiglione -FORMULA 3
Thomas Dennis Calvagni- F Selezione
Thomas Dennis Calvagni- F Selezione
Thomas Dennis Calvagni
Thomas Dennis Calvagni
Castiglione - sx Simone Ragusa dx Andrea Castro
Castiglione - sx Simone Ragusa dx Andrea Castro
Nicola Castiglione -IBIZA, Campionato Italiano Velocità
Nicola Castiglione -IBIZA, Campionato Italiano Velocità

Pianeta Giovani

Una tuta, un casco e un mezzo meccanico sufficientemente veloce per trasmettere quelle emozioni che soltanto chi abbassa la visiera per mestiere può sperimentare abitualmente alla stregua di un gesto reiterato eppure così diverso ogni qualvolta si pennellano curve e si fendono rettilinei nel nome della passione e dell’invincibile attaccamento al rumore pieno di un motore.

«[…] Chi vuol esser lieto, sia: di doman non c’è certezza». La celebre strofa della quattrocentesca Canzona di Bacco firmata da Lorenzo de’ Medici e dedicata alle gioie della giovinezza rende bene l’idea sull’esigenza di saper cogliere l’attimo non soltanto a causa della fugacità della vita ma anche per l’importanza di compiere le scelte giuste quando si tratta di impostare una carriera da zero nel motorsport.

Per rispondere a questa necessità SkeetGP ha contattato Nicola Castiglione, classe 1975, appassionato doc e pilota egli stesso, che sedici anni fa ha fondato in Sicilia la Selezione Nazionale Piloti fino ad organizzare un Talent vero e proprio riservato appunto a giovani e giovanissimi intenzionati a fare del pilotaggio una professione senza dover giocoforza contare su budget astronomici.

Cominciamo dal principio: chi è Nicola Castiglione?

nicola_castiglione_-formula_3.jpg
Nicola Castiglione - FORMULA 3

La passione per i motori mi accompagna da sempre. Ho cercato di fare il pilota con tutte le mie forze, affrontando trasferte lunghissime e molti sacrifici: ad esempio, in occasione delle gare, dormivo in automobile per cercare di limitare il più possibile le spese, che erano sempre troppe. Ho corso in kart, anche nel campionato Open di Formula C, con gente del calibro di Piccini, Forè, Cesetti e altri. In seguito sono passato alla Formula Ford, poi nel CIVT correndo con Volkswagen e Seat, e ho maturato qualche esperienza anche in Formula 3 con RC Motorsport. Ho intrapreso la carriera di istruttore e aiuto-istruttore di guida finché un giorno ho pensato che dovevo fare qualcosa di concreto per chi, come me, aveva tanta passione e poco budget da mettere sul piatto. Nel 2002 è nata l’idea di mettere in piedi la Selezione Nazionale Piloti, che in questi anni ha permesso a tantissimi drivers di realizzare il proprio sogno facendolo uscire finalmente dal cassetto.

In cosa consiste il progetto SNP Talent?

L’obiettivo è quello di permettere a tutti coloro che hanno passione e vogliono iniziare a correre di scendere in pista avendo una chance concreta di poter crescere in un ambiente sano, serio e, se le qualità ci sono, niente affatto dispendioso. Per i più competitivi, infatti, è tutto gratis. Come spiegato sul nostro canale YouTube, chi ha talento può dare libero sfogo al proprio desiderio di macinare chilometri con il programma SNP Talent.

Quali sono le modalità e le tempistiche per iscriversi alla prossima edizione del Talent?

Partecipare è semplicissimo: basta iscriversi al nostro canale YouTube alla pagina Selezione Nazionale Piloti Tv, guardare i video che verranno pubblicati da questo mese in avanti e rispondere via email al quizzone tramite l’indirizzo di posta elettronica selezionenazionale@alice.it. Si tratterà quindi di scrivere il proprio nome e cognome accompagnato dalla risposta al quiz che ovviamente riguarderà il mondo dei motori. Coloro che avranno risposto correttamente ad almeno tre domande, presenti in altrettanti video, saranno contattati e verrà comunicata loro la data del debutto in pista in qualità di allievi SNP e partecipanti al nostro Talent. (pagina facebook Selezione Nazionale Piloti)

antonio_cirelli_-_talent.jpg
Autosprint - Antonio Cirelli - talent

Qualche nome emerso da SNP Talent?

Il Talent è partito lo scorso anno e il primo vincitore è stato Antonio Cirelli, un giovane milanese che al momento sta partecipando alla SN2, la nostra seconda categoria, destinata ai piloti con poca esperienza che aspirano a costruirsi una carriera nel mondo delle corse. Abbiamo molti allievi che partecipano a gare di kart a livello nazionale e internazionale, al momento soprattutto bambini; tra questi cito Gabriele Garozzo, oggi impegnato nella 60 Minikart del Campionato Italiano e nella WSK, oltre a Simone Ragusa e Stefano David, iscritti invece al campionato Endas Upn. Per quanto concerne gli adulti mi preme segnalare Maurizio Rizzo, Tomas Calvagni e Mario Longo: sono i tre piloti dal curriculum più ricco e oggi corrono in SN1, la nostra categoria di punta che si avvale dell’appoggio dell’ente di promozione MSP.

A tuo parere qual è il percorso migliore che un pilota reduce da SNP Talent può affrontare per proseguire la carriera?

Difficile rispondere senza prendere in esame il singolo caso: molto dipende dall’età del pilota e dal sostegno economico a disposizione. Per correre in pista il budget costituisce una voce purtroppo fondamentale.

sicurezza-stradale_1.jpg
Sicurezza stradale

La sicurezza e le corse. A tuo avviso per correre in pista bisogna prima padroneggiare la guida sicura sulle strade di tutti i giorni?

Secondo me bisognerebbe prima imparare in pista e poi andare su strada. In circuito si acquisisce molta più sicurezza e si possono apprendere i fondamentali per una guida sicura. Per il resto SNP pone decisamente l’accento sull’aspetto della sicurezza; da sempre cerco di far capire a tutti gli iscritti che è bene sfogarsi in pista e non su strada. Per me è come una missione e spero di riuscire a inculcare questo concetto nei miei allievi.

Una scuola, una palestra, un campionato: puoi spiegarmi cosa intendi con queste tre definizioni riferite all’attività di SNP?

È una scuola perché seguo i miei ragazzi come degli allievi anche durante le gare con l’obiettivo di far capire loro dove sbagliano e dove possono migliorare nel pilotaggio. Personalmente ho fatto l’aiuto-istruttore da Henry Morrogh quando avevo diciannove anni e poi in Germania alla Krh Talent School, quindi un po’ di esperienza da trasmettere ai giovani l’ho maturata! È una palestra perché i piloti pagano un abbonamento e guidano dalle due alle tre volte al mese, certe volte anche quattro, kart, monoposto, vetture Gruppo N e da quest’anno anche kartcross o Formula Rallycross. Le piste utilizzate sono principalmente quelle di Racalmuto, Villarosa, Ramacca, Grammichele, Barrafranca e Ispica. Infine, SNP è un campionato perché grazie alla MSP e, di riflesso, al CONI, tutti i piloti sono tesserati e assicurati. Con il sostegno di MSP, un ente di organizzazione sportiva, sono infatti in grado di organizzare questo campionato che ha partecipanti provenienti da varie zone d’Italia. Io sono siciliano e la SN1 si svolge quasi tutta in questa regione, eppure arrivano regolarmente piloti da Roma, Milano e altre città del Nord. Per me e tutto lo staff si tratta di un grande motivo d’orgoglio.

emanuele_pirro_consegna_la_coppa_a_thomas_dennis_calvagni.jpg
Emanuele pirro consegna la coppa a Thomas Dennis Calvagni

Qual è il ruolo di Emanuele Pirro, ex pilota di Formula 1 nonché plurivincitore della 24 Ore di Le Mans, nel progetto SNP?

Emanuele è in primo luogo un amico speciale della Selezione Nazionale Piloti. Da sempre partecipa alla premiazione del Talent e capita che venga qui a correre, allenarsi e divertirsi. Nel 2009 ha anche fatto partecipare i suoi due figli Cristoforo e Goffredo. È un ottimo consigliere e assieme a lui stiamo allestendo il cosiddetto seminario dei motori by SNP, ovverosia una tre giorni aperta ai piloti del mondo SNP che vedrà i vari drivers impegnati in meeting e prove in pista, il tutto sotto la guida e la supervisione di una leggenda vivente del motorsport quale è Pirro. 

Colpisce il fatto che non ci sono costi da sostenere per gli aspiranti piloti iscritti al Talent a parte il pedaggio relativo alla pista. Quali sponsor sostengono il progetto? Talent a parte, ci si può iscrivere a SNP in qualsiasi momento sostenendo le spese dell’abbonamento per guidare i vari mezzi a disposizione?  

SNP può contare su dei partners molto validi. Mi riferisco a Vanguard, marchio del gruppo Compagnia Italiana Lubrificanti, e Lorica, azienda di addittivi per la performance e la protezione del motore, che ci aiutano sotto vari aspetti. Sì, è possibile iscriversi in qualsiasi momento ma occorre frequentare un corso di primo livello per stabilire qual è la categoria più adatta per l’allievo. In questo caso i costi fissi che i piloti devono sostenere variano tra i cinquanta e i duecento euro al mese: dipende dal programma che si affronta e dalla categoria di appartenenza. Correre in macchina è fantastico ma bisogna sempre essere prudenti nelle scelte e avere un occhio di riguardo per la sicurezza. Si può salire su certi mezzi solo a patto di essere pronti e, se così non dovesse essere, è necessario allenarsi e lavorare su se stessi prima di concretizzare il salto di categoria.

 

 

Aggiungi un commento

TOP FOCUS

Foto di Alessio De Marco, Avans Images
11/Set/2018
Honda e Mercedes, scuderie top di F.1, hanno scelto di "firmare", entrambe nel ruolo di title-sponsor, i rispettivi gran premi "domestici": a Suzuka in...
Romano Fenati
12/Set/2018
Il dio Crono, nella mitologia greca pre-olimpica, divorava i suoi figli per paura che si avverasse una profezia avversa: qualcuno dei tuoi pupilli, prima o poi...
San Marino 2018: Lorenzo in pole
08/Set/2018
Claudio Domenicali, grande boss della Ducati, ha guardato le qualifiche del Gp di San Marino a Misano, sprofondato in una poltroncina all’interno dei box. Lo...
09/Set/2018
Se cercate sul dizionario il significato della parole “follia”, ne trovate tantissimi: dallo “stato di alienazione mentale determinato dall’abbandono di ogni...