Seguici anche suFacebookTwitterGoogle PlusYoutube
  • English
  • Italiano
FOCUS
focus arrow
Sergio Perez admits penalty for Sergey Sirotkin clash was 'fair' Massa upset ex-Williams team-mate Stroll felt lack of F1 guidance F1, Gp Canada: testa a testa nelle quote tra Hamilton e Vettel F1 Ferrari, Vettel: «Hockenheim è la mia gara di casa» F1 Germania, Wolff: «Riscosso il credito con la fortuna» Ferrari: Engine legality case on SF71H F1 car 'completely closed' I medici di Lauda: «Il decorso sta andando benissimo» F1 Gran Bretagna, Vettel: «Questa macchina ha un grande potenziale» F1 Gran Bretagna, Bottas: «Avrei dovuto fermarmi per cambiare le gomme» F1 Red Bull, Verstappen: «Il GP d’Austria è sempre speciale per noi» LIVE - MotoGP, GP d'Olanda 2018 ad Assen Fernando Alonso: British GP without a doubt the best qualifying of 2018 Hamilton won't allow 'weak' title defence fears over Mercedes form New floor among Renault F1 aerodynamic updates for 2018 Belgian GP F1 Red Bull, Verstappen: «Ciò che è successo a Vettel poteva capitare a tutti» Toro Rosso's DRS innovation for top speed in Formula 1 F1 Canada, Libere 2: Verstappen è il più veloce, Vettel 5° F1 Ferrari, domani si potrebbe decidere il futuro di Raikkonen Robert Kubica says he had signed F1 deal with Ferrari for 2012 Haas: F1 grid mustn't grow while teams like Force India so unstable

MOTOGP: MARC V(D)S MICHAEL


Motopatico

Memento mori. Questo il saluto che si scambiano i frati trappisti, per ricordare – a se stessi prima che ad altri – che niente è per sempre. Neppure il matrimonio fra Marc van der Straten e Michael Bartholemy, storico team manager della MotoGP con Kawasaki e ora team principal della squadra che fa correre Franco Morbidelli. Una storia tutta belga? Non proprio, ma di sicuro la nazionalità conta parecchio.

sam_lowes.jpg
Sam Lowes e Marina Rossi

Riporta l'autorevole speedweek.com che a Jerez si è consumata una frattura tra il finanziatore del team, il conte Marc van der Straten e Michael Bartholemy per una presunta appropriazione indebita di quest'ultimo. Si parla di un ammanco a sette cifre. Si arriva anche a ipotizzare un possibile licenziamento del manager. Un gioco di tradimenti e inganni, in cui spunta fuori pure il nome di una donna: Marina Rossi. Secondo “Cycle News” il licenziamento della coordinatrice della squadra dopo il GP del Texas avrebbe innescato il disastro. Riporta cyclenews.com: «Marina Rossi apparentemente ha deciso di vendicarsi per il suo licenziamento. Con l'accesso ai conti e ai documenti della squadra, si presume che abbia raccolto prove incriminanti da presentare al proprietario della squadra, Marc van der Straten».

L'ingarbugliata vicenda prosegue con una coda velenosa: il team principal si discolpa con una lettera, diffusa urbi et orbi, in cui sostiene di essere al di sopra di ogni sospetto, di aver imparato solo “dalla stampa” delle accuse mosse contro di lui.

michael_bartholomy.jpg
Michael Bartholomy

Secondo Bartholemy non sarebbero state addotte prove a sostegno delle tesi di incoerenza finanziaria e di irregolarità nei flussi di cassa, con ripercussioni sui contratti e sulla gestione degli sponsor. Nella sua difesa – condotta, guarda caso, a mezzo stampa – Bartholemy ha tenuto a precisare che «alcuni giornalisti hanno falsamente riportato le dichiarazioni del signor Marc Van Der Straten». Di più: «Van Der Straten e il suo staff legale hanno confermato che non c'è stata la risoluzione del mio contratto. Infine non c'è stata nessuna comunicazione per informarmi che non sono più il responsabile della gestione del Marc VDS Racing Team come team principal».

Secondo Bartholemy è tutto falso, quindi. Una sorta di montatura dei media, che hanno travisato magari una dichiarazione? Diciamo che è abbastanza improbabile, visto che il manager belga sostiene di aver proposto a Van Der Straten diverse opzioni per risolvere la querelle, senza che peraltro la controparte fornisse nessuna ipotesi di soluzione possibile. Doveva esserci un incontro chiarificatore in Svizzera, a Ginevra, lunedì scorso, che però è stata annullata venerdì 11 maggio in serata. A dar credito a Bartholemy l'annullamento del meeting avrebbe come unica interpretazione possibile la conferma dell'infondatezza di tutte le accuse; di qui la volontà di continuare. Il manager conferma dunque la propria presenza a Le Mans alla guida della squadra.

Restano da capire alcune cose. Nè può passare inosservato il comportamento di Dorna che, in queste ore di massima confusione, si preoccupa di rassicurare van der Straten: i posti in griglia gli verranno mantenuti sino al 2021. A quale titolo ci si prende cura di rassicurare il finanziatore della squadra, se la polemica è del tutto interna a un team privato? Problema loro, soluzione loro. Invece no.

carlo-fiorani.jpg
Carlo Fiorani

Carlo Fiorani, direttore della comunicazione di Honda Racing, ha dichiarato durante la trasmissione Paddock TV che: «non c'è stata nessuna comunicazione ufficiale per quella che sembra una faccenda tutta interna al team». Quindi Honda non sente di dover intervenire, mentre Dorna sì. A questo punto le cose si complicano; come mai una questione privata diventa pubblica, investendo al calor bianco l'intero panorama della MotoGP? Va detto che il team Marc VDS è uno dei pezzi pregiati del mercato: è (o era) in trattativa con Suzuki e Yamaha, entrambe interessate a farne una formazione “satellite di lusso”.

Cosa accadrà adesso, a faida ancora in corso, è tutto da scoprire. Forse perché qualcuno mente, sapendo di mentire. In mancanza di dichiarazioni ufficiali che possano contribuire a fare chiarezza, viene in soccorso un'intervista rilasciata nel 2014 al direttore del settimanale motosprint, Enrico Borghi, nella quale il conte van der Straten affermava: «spendo tanto, ma mi creda: io i soldi li spendo, non li butto».

TOP FOCUS

Foto di Alessio De Marco, Avans Images
11/Set/2018
Honda e Mercedes, scuderie top di F.1, hanno scelto di "firmare", entrambe nel ruolo di title-sponsor, i rispettivi gran premi "domestici": a Suzuka in...
Romano Fenati
12/Set/2018
Il dio Crono, nella mitologia greca pre-olimpica, divorava i suoi figli per paura che si avverasse una profezia avversa: qualcuno dei tuoi pupilli, prima o poi...
San Marino 2018: Lorenzo in pole
08/Set/2018
Claudio Domenicali, grande boss della Ducati, ha guardato le qualifiche del Gp di San Marino a Misano, sprofondato in una poltroncina all’interno dei box. Lo...
09/Set/2018
Se cercate sul dizionario il significato della parole “follia”, ne trovate tantissimi: dallo “stato di alienazione mentale determinato dall’abbandono di ogni...