Seguici anche suFacebookTwitterGoogle PlusYoutube
  • English
  • Italiano
FOCUS
focus arrow
F1 Monaco, Libere 1: Red Bull padrona con Ricciardo, Vettel 4° Canadian GP: Gasly to start on back row with new Honda F1 engine Red Bull was willing to let Ricciardo's engine fail in Monaco F1 race F1, alla Force India si dimette Mallya Fernando Alonso hopes McLaren's France F1 misery is not 'normality' McLaren woe showed Honda what it had 'lost' in Formula 1 absence Max Verstappen hits out at F1 media after Sebastian Vettel's crash MotoGP. L’impresa impossibile di Danilo Petrucci F1 Ferrari, Raikkonen sul suo contratto: «È la stessa storia ogni anno» MotoGP 2018. Marquez vince il GP d'Olanda F1 Spagna: trionfo di Hamilton, Vettel finisce 4° Alonso: top Formula 1 teams still in 'another league' from McLaren F1 Spagna, Vettel: «Sarà una gara interessante» Ferrari now Formula 1's benchmark engine - Red Bull boss Horner Hamilton won't allow 'weak' title defence fears over Mercedes form Verstappen says Monaco GP was looking "very easy" before crash MotoGP 2018, il GP d'Argentina da 0 a 10 F1 Cina, Raikkonen: «Bene ma volevo di più» Liberty still targeting London for a Formula 1 grand prix - Horner F1, diretta qualifiche Gp Cina ore 8

MOTOGP: MARC V(D)S MICHAEL


Motopatico

Memento mori. Questo il saluto che si scambiano i frati trappisti, per ricordare – a se stessi prima che ad altri – che niente è per sempre. Neppure il matrimonio fra Marc van der Straten e Michael Bartholemy, storico team manager della MotoGP con Kawasaki e ora team principal della squadra che fa correre Franco Morbidelli. Una storia tutta belga? Non proprio, ma di sicuro la nazionalità conta parecchio.

sam_lowes.jpg
Sam Lowes e Marina Rossi

Riporta l'autorevole speedweek.com che a Jerez si è consumata una frattura tra il finanziatore del team, il conte Marc van der Straten e Michael Bartholemy per una presunta appropriazione indebita di quest'ultimo. Si parla di un ammanco a sette cifre. Si arriva anche a ipotizzare un possibile licenziamento del manager. Un gioco di tradimenti e inganni, in cui spunta fuori pure il nome di una donna: Marina Rossi. Secondo “Cycle News” il licenziamento della coordinatrice della squadra dopo il GP del Texas avrebbe innescato il disastro. Riporta cyclenews.com: «Marina Rossi apparentemente ha deciso di vendicarsi per il suo licenziamento. Con l'accesso ai conti e ai documenti della squadra, si presume che abbia raccolto prove incriminanti da presentare al proprietario della squadra, Marc van der Straten».

L'ingarbugliata vicenda prosegue con una coda velenosa: il team principal si discolpa con una lettera, diffusa urbi et orbi, in cui sostiene di essere al di sopra di ogni sospetto, di aver imparato solo “dalla stampa” delle accuse mosse contro di lui.

michael_bartholomy.jpg
Michael Bartholomy

Secondo Bartholemy non sarebbero state addotte prove a sostegno delle tesi di incoerenza finanziaria e di irregolarità nei flussi di cassa, con ripercussioni sui contratti e sulla gestione degli sponsor. Nella sua difesa – condotta, guarda caso, a mezzo stampa – Bartholemy ha tenuto a precisare che «alcuni giornalisti hanno falsamente riportato le dichiarazioni del signor Marc Van Der Straten». Di più: «Van Der Straten e il suo staff legale hanno confermato che non c'è stata la risoluzione del mio contratto. Infine non c'è stata nessuna comunicazione per informarmi che non sono più il responsabile della gestione del Marc VDS Racing Team come team principal».

Secondo Bartholemy è tutto falso, quindi. Una sorta di montatura dei media, che hanno travisato magari una dichiarazione? Diciamo che è abbastanza improbabile, visto che il manager belga sostiene di aver proposto a Van Der Straten diverse opzioni per risolvere la querelle, senza che peraltro la controparte fornisse nessuna ipotesi di soluzione possibile. Doveva esserci un incontro chiarificatore in Svizzera, a Ginevra, lunedì scorso, che però è stata annullata venerdì 11 maggio in serata. A dar credito a Bartholemy l'annullamento del meeting avrebbe come unica interpretazione possibile la conferma dell'infondatezza di tutte le accuse; di qui la volontà di continuare. Il manager conferma dunque la propria presenza a Le Mans alla guida della squadra.

Restano da capire alcune cose. Nè può passare inosservato il comportamento di Dorna che, in queste ore di massima confusione, si preoccupa di rassicurare van der Straten: i posti in griglia gli verranno mantenuti sino al 2021. A quale titolo ci si prende cura di rassicurare il finanziatore della squadra, se la polemica è del tutto interna a un team privato? Problema loro, soluzione loro. Invece no.

carlo-fiorani.jpg
Carlo Fiorani

Carlo Fiorani, direttore della comunicazione di Honda Racing, ha dichiarato durante la trasmissione Paddock TV che: «non c'è stata nessuna comunicazione ufficiale per quella che sembra una faccenda tutta interna al team». Quindi Honda non sente di dover intervenire, mentre Dorna sì. A questo punto le cose si complicano; come mai una questione privata diventa pubblica, investendo al calor bianco l'intero panorama della MotoGP? Va detto che il team Marc VDS è uno dei pezzi pregiati del mercato: è (o era) in trattativa con Suzuki e Yamaha, entrambe interessate a farne una formazione “satellite di lusso”.

Cosa accadrà adesso, a faida ancora in corso, è tutto da scoprire. Forse perché qualcuno mente, sapendo di mentire. In mancanza di dichiarazioni ufficiali che possano contribuire a fare chiarezza, viene in soccorso un'intervista rilasciata nel 2014 al direttore del settimanale motosprint, Enrico Borghi, nella quale il conte van der Straten affermava: «spendo tanto, ma mi creda: io i soldi li spendo, non li butto».

TOP FOCUS

Podio British GP 2018
08/Lug/2018
Ci eravamo lasciati, sette giorni fa, con un articolo dal titolo: “Ferrari, ma è vera gloria?”. Mettendo in forte dubbio che il successo in Austria non fosse...
11/Lug/2018
Giovedì 12, appena prima che al Sachsenring a parlare siano i motori, è tempo di conferenze stampa. Dani Pedrosa, in maniera appena un po' irrituale ha...
Carmelo Ezpeleta, Ceo di Dorna
17/Lug/2018
Finalmente oggi la Yamaha ha deciso di ufficializzare quello che da tempo ormai si vociferava nel paddock della MotoGp: il prossimo main sponsor sarà la...
Quartararo - Marquez
09/Lug/2018
Per Fabio Quartararo, diciannovenne nativo di Nizza, nella Costa Azzurra francese, gli accenti costituiscono probabilmente un optional abbastanza divertente....