Seguici anche suFacebookTwitterGoogle PlusYoutube
  • English
  • Italiano
FOCUS
focus arrow
Rossi: "Difficile mantenere le motivazioni" F1 Singapore, Leclerc: «Alla Ferrari il mio obiettivo sarà vincere il titolo» F1: Pirelli svela le tre mescole del 2019 Sauber's Marcus Ericsson could do IndyCar alongside Formula 1 role Renault defends 'awkward' F1 qualifying tactic for Russian Grand Prix Force India F1 team targets name change by end of 2018 Lewis Hamilton gave Max Verstappen 'way too much space' at Austin MotoGP 2018. I commenti dei piloti dopo il GP di Malesia Ericsson thought Raikkonen Sauber switch was bad news for F1 future Promoted: Drive Mexico City Like a Pro: Tips from Ferrari’s Marc Gene Orari TV MotoGP. Il GP d'Australia 2018 F1, Elkann: «Per la Ferrari importante vincere con stile» Toto Wolff trying to stay out of Mercedes F1 team strategy calls What does Kimi Raikkonen's two-year Sauber Formula 1 deal mean 2019 Formula 1 calendar revealed with 21 races scheduled Why Mercedes' wheel rims have become F1's latest tech controversy Spunti, considerazioni, domande dopo le qualifiche del GP della Thailandia F1, Gp Russia: terze libere ad Hamilton, Vettel terzo Spunti, considerazioni e domande dopo il GP d'Australia Formula 1 to begin work on new fan experience technology

MOTOGP: IL GRANDE ACQUARIO

Bradley Smith - Red Bull KTM Factory Racing
Bradley Smith - Red Bull KTM Factory Racing
Jorge Lorenzo
Jorge Lorenzo
Marc Marquez
Marc Marquez
Valentino Rossi
Valentino Rossi

Motopatico

Proviamo a metterci nei panni di un appassionato, che spera di leggere notizie che parlano di sport ma che, al contrario, è subissato fino allo sfinimento da fake news, notizie vere, mezze informazioni.

È come stare davanti ad un acquario a contemplare pesci rossi, in attesa che qualcosa accada. Senza che poi accada niente, solo il silenzio – a tratti imbarazzante – che autorizza a pensare qualsiasi cosa.

Quando tutto è falso, tutto può essere vero, in assenza di smentite.

ezpeleta-presidente-fim-vito-ippolito-1435316990212.jpg
Ezpeleta e  Ippolito

Qui sta il punto: nelle ultime settimane abbiamo assistito al moltiplicarsi di voci incontrollate che riguardano il mercato piloti e la girandola di sponsor, senza che nessuna voce si sia levata a confutare o smentire. Nè il promoter del campionato, Dorna,

né la federazione. Nessuno.

Partiamo dai dati di fatto oggettivi, per capirci qualcosa.

Ad oggi abbiamo una top class in cerca di identità futura, che però naviga a vista nel presente. I contratti TV in almeno tre mercati, Italia, Spagna e Germania, sono in scadenza ma nessuno ha ancora confermato i rinnovi. Ricordiamo che i diritti televisivi hanno la più alta incidenza sull’80% dei ricavi (dovuti a marketing, fee dei circuiti e TV) di Dorna, per cui è lecito – per la buona salute della MotoGP - chiedersi quando verrà confermato, nei rispettivi Paesi, chi sarà il broadcaster del motomondiale.

vale.jpg
Valentino Rossi

La MotoGP, così com’è, interessa davvero? Potrebbe pure sembrare una quisquilia, ma non lo è: la media company spagnola Movistar, per esempio, è coinvolta sia come title sponsor di Yamaha Factory Racing che come network ufficiale per un’area d’importanza strategica.

Perché non c’è ancora la firma? A gennaio, alla presentazione ufficiale del Team Yamaha, la cosa sembrava fatta. Cinque anni di rinnovo sia come title sponsor, sia come network ufficiale. A comunicarlo era stato il presidente della compagnia iberica Luis Miguel Gilpérez; da allora però, più nessuna comunicazione, e siamo a quattro gare dall’inizio del campionato. Stessa cosa, più o meno, è accaduta in Italia con Sky. Il managing director di Dorna, Manel Arroyo, dichiarava a marzo che la partita di giro si sarebbe conclusa entro “un paio di mesi”. Peccato che non sia ancora avvenuta. Nel silenzio generale – o meglio, nell’indifferenza assoluta – si è così verificato il proliferare di ogni sorta di speculazione.

Mai come quest’anno stiamo assistendo alle parole in libertà. Intendiamoci il paddock del motomondiale è piccolo, ma pieno di chiacchieroni. Di persone che, a vario titolo, esfiltrano ogni pettegolezzo. Vero o presunto. Il vuoto di comunicazione ufficiale si è così riempito di tutta una serie di sussurri, di voci, di insinuazioni che stanno facendo, indubbiamente, il male della MotoGP.

lorenzo_0.jpg
Jorge Lorenzo

Esemplare è il caso di Jorge Lorenzo: il maiorchino è dato come sicuro homo novus di Suzuki, senza peraltro che nessuno abbia confermato, né smentito, alcunché. Girano anche le cifre, come se i numeri bastassero, da soli, a garantire l’autorevolezza della notizia. Il battito d’ali della farfalla in Spagna che provoca un terremoto in Giappone. L’ipotesi, che resta al momento niente più che un esercizio di stile, di sicuro ha generato un diluvio: chi sarà lo sponsor del dream team Suzuki? Girano i nomi: Movistar, Monster o qualche altro operatore esterno. Il risultato è una confusione pazzesca che sta innescando una reazione a catena. Sarà vero che Movistar abbandonerebbe Yamaha per seguire il cinque volte campione del mondo? Monster, a sua volta legata da anni al team Tech3 di Hervé Poncharal, davvero sarebbe pronta a cambiare marca? La fibrillazione dell’affaire Lorenzo sta contagiando tutti. Al punto che delle gare in pista si parla sempre meno, neppure fossero un corollario al fantamercato di piloti e sponsor.

ktm_0.jpg
Bradley Smith - Red Bull KTM Factory Racing

Appare sempre più chiaro come i grandi sponsor del motomondiale stiano diventando anche i veri registi del campionato. I piloti non sono più rappresentati da agenti che trattano con le Case, ma diventano “piloti-RedBull” o “piloti-Repsol”.

Con buona pace di Carmelo Ezpeleta che in altri tempi dichiarava che erano i piloti il fulcro della MotoGP. Questo faccia pensarechi tiene in mano lo show non sono i protagonisti del manubrio, ma gli interessi trasversali di potenti grand commis, benedetti dall’autorità superiore oppure – cosa forse peggiore - lasciati liberi di fare. Dorna appare distante, impegnata a guardare dall’alto dell’Olimpo, senza intervenire.

marc_marquez.jpg
Marc Marquez

La domanda è: ma non vuole o non può? Probabilmente entrambe le cose, dato che i veti incrociati, per la maggior parte spagnoli ma non solo, sembrano davvero tanti. Forse troppi, per un campionato che ha un assoluto bisogno di recuperare la credibilità della propria informazione. In assenza di una posizione forte, ufficiale, si assiste al “tana liberi tutti” via social, rendendo tutto ancora più precario.

TOP FOCUS

Valentino Rossi - Monza Rally Show 2018 - foto di Luca Clerici
10/Dic/2018
Instagram VR46 Per la settima volta consecutiva, Valentino Rossi vince il Monza Rally Show 2018 primeggiando su tutte e nove le prove speciali...
Valentino Rossi e Luca Cadalora
30/Nov/2018
Cari amici di Skeetgp, oggi possiamo dire ufficialmente che il campionato 2018 è andato definitivamente in soffitta, tra gli scaffali polverosi in mezzo ai...
Vettel, Ferrari: AustralianGP 2018
29/Nov/2018
Quanto manca al 17 marzo 2019? Poco, decisamente poco. Guardare il calendario non serve, perché il debutto della nuova stagione in quel di Melbourne è molto...
Pirelli 2019
01/Dic/2018
Un gran bel giramento di testa. Che confusione, sarà perchè giriamo. E non ci consumiamo, non degradiamo, più che gomme per cancellare pneumatici da cancellare...