Seguici anche suFacebookTwitterGoogle PlusYoutube
  • English
  • Italiano
FOCUS
focus arrow
F1 Gp di Russia, Vettel: «La Ferrari ha delle possibilità» Toro Rosso hands Sean Gelael FP1 outing at US Grand Prix Mercedes: Ferrari favourite to win Brazilian GP after ‘big gamble’ MotoGP 2018. Dovizioso: "Meglio del previsto" Formula 1 strikes deal to open up betting markets F1 teams and FIA set to discuss Mercedes wheel rim controversy Ericsson: Leclerc '19 Ferrari deal good to judge a Sauber extension F1, Brown: «Scegliere il dopo Alonso non è stato difficile» F1 Test Abu Dhabi: Vettel al comando nella prima giornata Halo did not compromise Hulkenberg extraction after Abu Dhabi crash Singapore GP: Hamilton takes pole ahead of Verstappen and Vettel Romain Grosjean: German GP key to saving Haas Formula 1 seat Valtteri Bottas to make rally debut in World Rally Car Ford Fiesta Sirotkin says Hamilton did nothing wrong in qualifying near-miss Red Bull's late season F1 surge 'confusing' - Daniel Ricciardo Vettel: Ferrari F1 team-mate Raikkonen can race for Italian GP win McLaren considering extreme low-drag set-up for F1 Russian GP Formula 1 teams discussing winter break in 2019 season Miami F1 race takes new blow as county mayor cancels delegates trip La versione di Zam. Le FP del GP del Giappone 2018

CALDO E UMIDITA’: BENVENUTI A BURIRAM


GPizza&F1chi

Ci sono cose che non vanno assolutamente d’accordo con una moto da competizione. Sapete quali? Correre con un’umidità pazzesca e con un caldo soffocante che non mette solo a dura prova il fisico di un pilota, ma rischiano di mandare in tilt sia i motori che gli pneumatici. Abbiamo fatto una rapida ricerca su siti meteo di tutto il mondo e la situazione oggi alle 20, (ora italiana, le ore 1 di giovedì mattina)  al Chang Circuit di Buriram era impressionante:  temperatura 27°, umidità 83%.

2018_00c_test_buriram_00318.jpg
Il circuito di Buriram durante i test di Febbraio

Figuratevi un po’ cosa vuol dire correre domenica ad esempio alle 14, quando in Italia saranno le 9 del mattino. Le condizioni meteo sono assai simili a quelle che si incontrano a Sepang, in Malesia ,ma la difficoltà in più per tutti i piloti è che qui in Thailandia il circuito è nuovo per tutti, anche se i piloti MotoGp, a differenza di quelli di Moto3 e moto2, hanno avuto lapssibilità di fare dei test in febbraio, con Pedrosa in gran spolvero davanti a Zarco e Crutchlow, con Marquez 4°, Dovizioso  7°, Rossi 10°.

Circuito strano, quello di Buriram, come al solito costruito da Hermann Tilke e amato da pochissimi piloti. Valentino Rossi in testa, che lo ha definito “noioso con poche curve e lunghi rettilinei”. Ma tant’è:  il business impone di correre laggiù e allora tutti zitti con una raccomandazione: “Fatevelo piacere in fretta”.  Buriram è il 71° circuito che ospiterà una gara valida per il mondiale top-class mentre la Thailandia è il 29°Paese ad ospitare la MotoGp.

_._albums_press_03_competition_motogp_motogp2018_00c_test_buriram_2018_2018_00c_test_buriram_00288.jpg
La pista Thailandese

Una caratteristica abbastanza curiosa, per il mondo del motosport, è che il circuito porta il nome di… una birra. Ufficialmente di chiama “Chang International Circuit”, dove  “Chang” è il marchio della bevanda più famosa del Paese che comunque non può essere  utilizzato nelle Nazioni in cui le leggi dell’alcool ne proibiscono la pubblicità. Da qui il secondo nome Buriram International Circuit.

Da queste parti ci corrono ormai da due anni i colleghi della Superbike mentre stanno facendosi largo alcuni piloti thailandesi in moto2 che vanno davvero forte, come  Ratthapark Wilairot.

marquez_guida_il_tuk_tuk.jpg
Marquez guida il Tuk-Tuk a Bangkok

Le corse di moto riescono a portare a Buriram un bel po’ di spettatori che vanno letteralmente matti per le Honda e le Ducati. In questi giorni, Marc Marquez  a Bangkok è stato protagonista di alcuni eventi programmati dalla Honda Asia, cimentandosi anche alla guida dei celebri Tuk-Tuk per le strade della più caotica capitale d’Oriente. Lui si è divertito moltissimo ed è carico come una molla. Non fa mistero di voler chiudere al più presto la pratica mondiale (ha 72 punti di vantaggio su Dovizioso) per potersi dedicare allo sviluppo della Honda 2019 che da qualche mese sta crescendo a Tokyo sotto gli occhi vigili dei tecnici della Hrc.

A 5 gare dal termine il divario è quasi incolmabile e Dovizioso è il primo a rendersi conto che è quasi una mission impossible. Però ci vuole provare lo stesso, per tenere il più possibile accesa la fiammella della speranza  e tenere lontano un Valentino Rossi che vorrebbe dare una svolta alla sua terribile stagione.

2018_mgp_14_ara_270_l399-lorenzo_debrief_resources_c0002.mxf_.16_35_47_17.imagen-fija001.middle.jpg
Il piede destro gonfio di Lorenzo

In casa Ducati, infine, c’è sempre l’incognita Jorge Lorenzo. Lo spagnolo è arrivato in Thailandia con il piede ancora gonfio e dolorante. Per sapere come andrà a finire il weekend occorrerà attendere le prove di venerdì.  E per finire, c’è anche la corsa per la conquista del titolo di miglior pilota  non ufficiale: in lizza Danilo Petrucci(Ducati Alfa Pramac) che ha raggiunto Cal Crutchlow (Lcr Honda Castrol). Poche chances per  Johann Zarco (Monster Yamaha Tech3) che sembra ormai tagliato fuori dalla lotta.

motogp-orari-tv.jpg

Come per la Formula1 che si corre in Giappone, saranno giorni di levatacce terribili e gli amanti delle due e delle quattro ruote: a Suzuka si comincerà domani alle 3, a Buriram un’ora dopo. Domenica la Formula 1 prenderà il via alle 7,10 mentre la Motogp alle ore 9. Coraggio.

 

TOP FOCUS

Valentino Rossi - Monza Rally Show 2018 - foto di Luca Clerici
10/Dic/2018
Instagram VR46 Per la settima volta consecutiva, Valentino Rossi vince il Monza Rally Show 2018 primeggiando su tutte e nove le prove speciali...
Pirelli 2019
01/Dic/2018
Un gran bel giramento di testa. Che confusione, sarà perchè giriamo. E non ci consumiamo, non degradiamo, più che gomme per cancellare pneumatici da cancellare...
12/Dic/2018
Se è vero che i record sono fatti per essere battuti (e prima o poi Giacomo Agostini dovrà farsene una ragione, perché almeno uno dei suoi, quello delle...
Jorge Viegas eletto Presidente FIM
02/Dic/2018
 La Fim, dopo 12 anni di presidenza del venezuelano Vito Ippolito, cambia… manovratore. L’assemblea generale, infatti, nell’incontro che si è tenuto nel...