Seguici anche suFacebookTwitterGoogle PlusYoutube
  • English
  • Italiano
FOCUS
focus arrow
Formula E champion Jean-Eric Vergne says Formula 1 return possible F1 Red Bull, Verstappen: «Sul rettilineo eravamo troppo lenti» F1 Austin, Vettel: «Non è un periodo facile, ma felice per Raikkonen» Jean Todt: Sergio Marchionne had mellowed about F1 exit before death Belgian GP: Hamilton beats F1 title rival Vettel to pole in wet Q3 Stoffel Vandoorne to lose McLaren seat after 2018 Formula 1 season Williams working on signing Esteban Ocon for 2019 F1 season Romain Grosjean now two points away from F1 ban after latest penalty Ericsson's British GP crash caused by 'slipping' off DRS button Formula 1: Losing Force India bidder threatens legal action Force India F1 engine situation clarified, future prize money in doubt Hulkenberg predicts 'long end to the year' for struggling Renault What to expect from Codemasters' F1 2018 game ahead of release F1, Hamilton: «La Ferrari ha sbagliato a mollare Raikkonen» F1, Ricciardo ha scelto Renault MotoGP 2018. Lorenzo: "Caduto per un problema tecnico" F1 Ungheria: Sainz: «Il mio futuro non è deciso solo dalla Red Bull» Ferrari's Kimi Raikkonen: Formula 1 fans should not boo drivers F1 Red Bull, Verstappen: «Ciò che è successo a Vettel poteva capitare a tutti» Hungaroring testing: Giovinazzi fastest for Ferrari on first morning

CALDO E UMIDITA’: BENVENUTI A BURIRAM


GPizza&F1chi

Ci sono cose che non vanno assolutamente d’accordo con una moto da competizione. Sapete quali? Correre con un’umidità pazzesca e con un caldo soffocante che non mette solo a dura prova il fisico di un pilota, ma rischiano di mandare in tilt sia i motori che gli pneumatici. Abbiamo fatto una rapida ricerca su siti meteo di tutto il mondo e la situazione oggi alle 20, (ora italiana, le ore 1 di giovedì mattina)  al Chang Circuit di Buriram era impressionante:  temperatura 27°, umidità 83%.

2018_00c_test_buriram_00318.jpg
Il circuito di Buriram durante i test di Febbraio

Figuratevi un po’ cosa vuol dire correre domenica ad esempio alle 14, quando in Italia saranno le 9 del mattino. Le condizioni meteo sono assai simili a quelle che si incontrano a Sepang, in Malesia ,ma la difficoltà in più per tutti i piloti è che qui in Thailandia il circuito è nuovo per tutti, anche se i piloti MotoGp, a differenza di quelli di Moto3 e moto2, hanno avuto lapssibilità di fare dei test in febbraio, con Pedrosa in gran spolvero davanti a Zarco e Crutchlow, con Marquez 4°, Dovizioso  7°, Rossi 10°.

Circuito strano, quello di Buriram, come al solito costruito da Hermann Tilke e amato da pochissimi piloti. Valentino Rossi in testa, che lo ha definito “noioso con poche curve e lunghi rettilinei”. Ma tant’è:  il business impone di correre laggiù e allora tutti zitti con una raccomandazione: “Fatevelo piacere in fretta”.  Buriram è il 71° circuito che ospiterà una gara valida per il mondiale top-class mentre la Thailandia è il 29°Paese ad ospitare la MotoGp.

_._albums_press_03_competition_motogp_motogp2018_00c_test_buriram_2018_2018_00c_test_buriram_00288.jpg
La pista Thailandese

Una caratteristica abbastanza curiosa, per il mondo del motosport, è che il circuito porta il nome di… una birra. Ufficialmente di chiama “Chang International Circuit”, dove  “Chang” è il marchio della bevanda più famosa del Paese che comunque non può essere  utilizzato nelle Nazioni in cui le leggi dell’alcool ne proibiscono la pubblicità. Da qui il secondo nome Buriram International Circuit.

Da queste parti ci corrono ormai da due anni i colleghi della Superbike mentre stanno facendosi largo alcuni piloti thailandesi in moto2 che vanno davvero forte, come  Ratthapark Wilairot.

marquez_guida_il_tuk_tuk.jpg
Marquez guida il Tuk-Tuk a Bangkok

Le corse di moto riescono a portare a Buriram un bel po’ di spettatori che vanno letteralmente matti per le Honda e le Ducati. In questi giorni, Marc Marquez  a Bangkok è stato protagonista di alcuni eventi programmati dalla Honda Asia, cimentandosi anche alla guida dei celebri Tuk-Tuk per le strade della più caotica capitale d’Oriente. Lui si è divertito moltissimo ed è carico come una molla. Non fa mistero di voler chiudere al più presto la pratica mondiale (ha 72 punti di vantaggio su Dovizioso) per potersi dedicare allo sviluppo della Honda 2019 che da qualche mese sta crescendo a Tokyo sotto gli occhi vigili dei tecnici della Hrc.

A 5 gare dal termine il divario è quasi incolmabile e Dovizioso è il primo a rendersi conto che è quasi una mission impossible. Però ci vuole provare lo stesso, per tenere il più possibile accesa la fiammella della speranza  e tenere lontano un Valentino Rossi che vorrebbe dare una svolta alla sua terribile stagione.

2018_mgp_14_ara_270_l399-lorenzo_debrief_resources_c0002.mxf_.16_35_47_17.imagen-fija001.middle.jpg
Il piede destro gonfio di Lorenzo

In casa Ducati, infine, c’è sempre l’incognita Jorge Lorenzo. Lo spagnolo è arrivato in Thailandia con il piede ancora gonfio e dolorante. Per sapere come andrà a finire il weekend occorrerà attendere le prove di venerdì.  E per finire, c’è anche la corsa per la conquista del titolo di miglior pilota  non ufficiale: in lizza Danilo Petrucci(Ducati Alfa Pramac) che ha raggiunto Cal Crutchlow (Lcr Honda Castrol). Poche chances per  Johann Zarco (Monster Yamaha Tech3) che sembra ormai tagliato fuori dalla lotta.

motogp-orari-tv.jpg

Come per la Formula1 che si corre in Giappone, saranno giorni di levatacce terribili e gli amanti delle due e delle quattro ruote: a Suzuka si comincerà domani alle 3, a Buriram un’ora dopo. Domenica la Formula 1 prenderà il via alle 7,10 mentre la Motogp alle ore 9. Coraggio.

 

TOP FOCUS

15/Ott/2018
Jorge Viegas, FMP 2012 La Federazione motociclistica del Portogallo (FMP) da ben 6 anni è al centro di uno scandalo nazionale che riguarda sia la...
08/Ott/2018
Una volta il cavallino era “rampante”, adesso è diventato “sbandante”. Nel senso letterale del termine, ovvero che sta sbandando, andando alla deriva....
Max Verstappen ed Helmut Marko
14/Ott/2018
Avete presente la faccia di un bambino quando chiede insistentemente alla mamma un gelato e si sente rispondere di no?  Bene, più o meno quella che ha...
Sede Dainese
12/Ott/2018
La Dainese entra in Fondazione Altagamma, la prestigiosa associazione che dal 1992 riunisce le imprese dell’alta industria culturale e creativa italiana,...