Seguici anche suFacebookTwitterGoogle PlusYoutube
  • English
  • Italiano
FOCUS
focus arrow
Promoted: Why the engine dyno has become so important in F1 F1 Austria, Bottas: «Contento per la pole, voglio vincere» F1 Azerbaijan, Magnussen: «Bello avere una buona macchina e lottare per i punti» Alonso: top Formula 1 teams still in 'another league' from McLaren F1 boss Ross Brawn apologises to Winnie Harlow for Canada flag woe Sauber star Leclerc just behind Vettel in Autosport driver ratings Hamilton fears Mercedes will third-best at 2018 F1 Monaco GP Austrian GP: Hamilton heads another Mercedes 1-2 in second practice F1 Red Bull, Newey: «Ricciardo in Canada sarà penalizzato» F1 2019 rule changes agreed by teams and ready for sign-off - Ross Brawn MotoGP 2018. Le dichiarazioni di Marquez e Lorenzo dopo le qualifiche al Sachsenring Is Robert Kubica the answer to Williams's problems in F1 2018? MotoGP 2018. GP Austria, FP3: Marquez il più forte Alonso says WEC fan access would make F1 drivers 'hide even more' Mercedes' Wolff says new F1 model may yield lower income from races Max Verstappen's manager back in F1 paddock after missing Canadian GP F1 Red Bull, Verstappen: «Ciò che è successo a Vettel poteva capitare a tutti» MotoGP 2018. Dovizioso il più veloce nel warm-up a Barcellona F1 McLaren, Alonso: «Preferisco essere ultimo che stare a casa» Formula 1: Sauber to halt 2018 car development next week

BERNIE ECCLESTONE, INTERVISTA ESCLUSIVA A SKEETGP

Intervista esclusiva di Mister E

GPizza&F1chi

   MARCHIONNE? MEGLIO AVERLO COME AMICO

Avere 87 anni e non sentirli. Anzi, avere addosso ancora così tanta vitalità che molti giovani d'oggi neppure si sognano. Questo è mister Bernie Ecclestone, meglio conosciuto nel mondo dei motori come "Mister E", l'uomo che ha saputo costruire dal nulla una fortuna (in sterline, dollari, euro, fate voi) e far diventare le competizioni di Formula1 uno degli spettacoli più visti e televisti al mondo, secondo solo al calcio.

images.jpg
Bernie Ecclestone

Alla fine dello scorso anno, giusto a ridosso di Capodanno, mi ero messo in testa un'idea meravigliosa: e se chiedessi una intervista, la prima del 2018 al grande Bernie? Più facile a dirsi che a farsi, mi dicevano i miei amici, piuttosto scettici sulla possibilità di riuscita.

Eppure non mi sono dato per vinto, anche perché in tutta la mia vita professionale ho sempre anteposto la correttezza nei rapporti ad ogni altra cosa, convinto che prima o poi, anche in questa era social, chi è corretto e professionalmente serio (ci tengo a questa definizione) viene premiato.

Scartata l'idea di raggiungerlo in capo al mondo, Brasile, Londra o chissà dove, visto che stare dietro a un furetto come mister B è una impresa titanica, ho optato per la via più semplice, quella di porgli "10 domande 10".

E Mister E, nel giro di 4 giorni, mi ha risposto, scegliendo me e Skeetgp.com, per far conoscere le sue idee sul passato, ma soprattutto sul futuro. A domande secche, ha fornito risposte altrettanto secche ma che, come sempre, si prestano a svariate interpretazioni.  Ecclestone ha risposto a tutte e 10 le domande e poiché conosce alla perfezione il gioco, sa che non ci si deve fermare alla forma esteriore, ma cercare di leggere bene tra le righe, perché quello che non è scritto vale molto più delle parole stesse.

Tra pochi giorni, il 24 gennaio, sarà passato un anno dal momento in cui Lei non è più al comando della F1. C’è un motivo particolare perché ha deciso di vendere a Liberty Media?

È stato l'azionista di maggioranza a voler vendere CVC e le sue quote. Hanno cercato di farlo per 3-4 anni. Liberty Media è stata la sola che ha pagato a CVC quello che loro chiedevano. E io ho venduto le quote che avevo in CVC.

A distanza di un anno farebbe ancora quell’accordo? Non si è mai pentito di quel passo? E se sì perché?

Sì, nessun rimpianto se la Formula 1 continua a essere un grande sport.

Sono in molti a dubitare, io per primo, che lei si sia veramente ritirato dagli affari e non stia invece pensando a un rientro in grande stile. Sbaglio? Cosa farà da grande mister Bernie? Magari si inventerà una “nuova” Formula 1?

Non mi sono ritirato dagli affari, dal momento che ho molti interessi e coinvolgimenti.

Quali errori imputa a Liberty Media in questa prima stagione?

Poiché Liberty Media dirige la compagnia in modo diverso da come facevo io, non posso commentare.

Si è mai chiesto perché Liberty Media ha voluto liberarsi della sua presenza anche ai Gp? Presenza troppo ingombrante?  Conferma che la F1 è diventata un McDonald?

Poiché loro hanno le quote con il diritto di voto e hanno preso la direzione del business seguendo la strada che vogliono non hanno più voluto il mio coinvolgimento.

gruppo.jpg
M. E. con Ferrari, Montezemolo, Marchionne, Todt

Enzo Ferrari, Sergio Marchionne, Luca Montezemolo, Jean Todt. Cosa pensa di ciascuno di loro?

Mr Ferrari è stata una persona che mi ha aiutato molto. E lo stesso Luca. Erano miei buoni amici. Sebbene conosca Sergio Marchionne da tanti anni, non mi è stato vicino come Ferrari e Luca. È un eccellente finanziere e persona acuta con molto charme (carisma) a suo modo. Molto meglio averlo come amico che nemico.

 

Che cosa sarebbe la F1 senza Ferrari e Mercedes? Marchionne ci sta pensando, Wolff lo seguirebbe.

La Ferrari è la F1 e la F1 è Ferrari.

Motori ibridi: li ha giudicati “giocattolini costosi e sofisticati”, anche se sono moltomeno inquinanti. Una volta lei affermo che nella sua f1 inquinavano piu I camion di trasporto dei team rispetto alle mono posto in pista. Per abbassare I parametri (di inquinamento) di inquinamento sotto la sua gestione cosa fece?

A seguito delle regole sui motori approvate dalla FIA, sono sicuro che la prossima generazione di auto sarà ibrida e magari elettrica.

Qual è il sogno che non ha ancora realizzato?

Io non sono un sognatore ma cerco di avere profitti nel business. Questo è quello che voglio fare.

Si è definito bravo e fortunato, anche se per me è stato più bravo che fortunato: ma nella sua magnifica carriera di manager di sport, ritiene di aver fatto qualche errore? Se si quale?

Io credo che, se si ha l'opportunità di fare qualcosa, si è fortunati. Se tu lo fai, puoi fare errori, cosa che probabilmente ho fatto. Ma sono fortunato perché sono capace di dimenticarli.

jeantodtbernieecclestonef1grandprix8ddxp14uxypl.jpg
MisterE e Jean Todt

Fin qui mister E. Adesso veniamo alle interpretazioni. La prima che balza all'occhio è la definizione sugli uomini Ferrari che lui ha conosciuto. Ci avete fatto caso? Si è dimenticato di Jean Todt, quasi fosse un corpo estraneo. Ma attenzione: se BE non lo ha citato non vuol dire che non consideri il presidente degno di attenzione. Mi piacerebbe pensare che i due stiano lavorando a un progetto che ancora non conosciamo, magari legato a motori ibridi o elettrici. Mister B ha spesso detto di non amare questa rivoluzione, ma in questa intervista dice chiaramente che la prossima generazione di auto andrà in quella direzione. Ecco quindi che ha un senso non parlare per il momento di Todt, del quale Ecclestone ha bisogno per sviluppare le sue idee, in attesa di capire che cosa vorrà fare il presidente Fia.

Ed ecco, soprattutto, la bella risposta su Marchionne che proprio in questi giorni ha svelato alcuni progetti futuri di Ferrari (Suv, auto elettrica Supercar). Gli riconosce di avere charme e carisma, un manager che è meglio avere come amico, senza cercare la bagarre con lui. Che i due stiano studiando qualcosa insieme? Un campionato alternativo nel caso in cui Ferrari decida di salutare Liberty Media?

Tutto è possibile, anche perché i due hanno in comune (ed Ecclestone lo dice chiaramente, questa volta) la voglia di "fare business", di trarre profitti da tutto ciò che fanno e toccano. L'affermazione di Mister E di non essersi ritirato dagli affari (e di non pensarci affatto) la dice lunga sulla volontà di costruire qualcosa di nuovo, di alternativo alla Formula1 versione Liberty Media. E l'appoggio di un manager come Sergio Marchionne potrebbe essere il primo importante tassello.

Di una cosa, comunque, siamo certi: il futuro prossimo venturo ci riserverà ancora molte sorprese. "Wait and see", dicono gli inglesi. Non ci resta che aspettare.

whatsapp_image_2018-01-21_at_11.18.48.jpeg

*La F70 Hibrid presentata per i 70 anni della Ferrari.Questo è futuro per Mister E (foto Loris)

 

_____________________________________________________________________________________________

RIPRODUZIONE RISERVATA