Seguici anche suFacebookTwitterGoogle PlusYoutube
  • English
  • Italiano
FOCUS
focus arrow
Esteban Ocon: Sergio Perez apologised for Singapore GP collision Williams driver Stroll had seat fitting in 2018 Force India F1 car MotoGP 2018. Dovizioso: "Sono molto carico. Perché non dovrei?" F1, Hamilton: «La Ferrari ha sbagliato a mollare Raikkonen» Rivals 'bitching' to undermind Magnussen have failed, says Haas The 'stupid' F1 tyre conspiracy theory that can finally die Formula 1 teams set to discuss Sauber's Italian GP DRS problems Formula 1 to begin work on new fan experience technology 2018 Infiniti Engineering Academy USA regional winner revealed Esteban Ocon: Hate towards Stroll during my F1 limbo 'not normal' MotoGP. Due giorni di test ad Aragon F1, Rosberg: «Un giorno ci sarà la fusione con la Formula E» Win two tickets to F1's Italian GP by playing Grand Prix Predictor What's behind Ferrari Formula 1 team's grid cooling bag trick? Teams to share $23m drop in income as F1 revenue falls Toro Rosso changes Gasly's suspension after Hartley F1 crash F1 form in 2018 giving Valtteri Bottas consolation in winless run F1 Ungheria, Hamilton: «E' stato come ballare sulle punte» Vettel and Leclerc now tied in Autosport readers' F1 driver ratings Deal to keep German GP on F1 calendar at Hockenhem for 2019 agreed

RAI E MOTOGP: UN "SOGNO/INCUBO" DA 10 MILIONI DI EURO (II PUNTATA)

Rai Sport - diritti TV

Economy

Nella logica dello "spacchettamento" e delle sublicenze gestite da Perform group, come abbiamo spiegato, nell'ambito del prossimo triennio dei diritti tv collegati al Motomondiale, c'è spazio anche per la RAI, almeno sulla carta. La tv pubblica vorrebbe riportare a casa almeno le dirette (due) italiane del mondo delle due ruote, più le differite delle altre prove in calendario. Un gradito ritorno da 10 milioni di euro: tanto potrebbe costare questo "sogno". Ma ci sono tanti "se" e "ma" in questa operazione da sviscerare. Intanto si attende il nome del nuovo presidente della Rai, perché Marcello Foa, uomo di riferimento scelto dal governo gialloverde, è stato bocciato, nei giorni scorsi, dalle opposizioni, che non l'hanno aiutato a centrare i 27 voti necessari (ricordiamo che per essere confermato n.1 della RAI, la Commissione Vigilanza parlamentare deve dire "sì" per 2/3). E, invece, Foa si è fermato a 21. Senza la figura del Presidente il colosso Rai è bloccato e con essa anche le nomine dei direttori delle testate, con RAI Sport, che dovrebbe, come da tradizione, per esempio, gestire i diritti tv sportivi. Troviamo difficile, che, in questo periodo di austerità, ci sia spazio per una cifra così elevata, visto che il contratto Trenitalia-Lega calcio serie A da 20 milioni di euro (per tre anni come title sponsor Coppa Italia e SuperCoppa) è stato stracciato su Facebook dal ministro ai Traporti e Infrastrutture, il pentastellato di Cremona, Danilo Toninelli, con un semplice clic.

Ma prima di arrivare a questo bisogna sciogliere il "nodo gordiano" del nome del presidente RAI: Salvini punta ad una forzatura (Foa potrebbe essere imposto come consigliere più anziano, ma le opposizioni dicono che è una lettura della legge non corretta), le opposizioni invece vogliono votare un altro nome. Insomma un bel pasticcio e il "sogno" di vedere la MotoGp nei prossimi mesi potrebbe trasformarsi in un vero e proprio "incubo". 

 

TOP FOCUS

15/Ott/2018
Jorge Viegas, FMP 2012 La Federazione motociclistica del Portogallo (FMP) da ben 6 anni è al centro di uno scandalo nazionale che riguarda sia la...
08/Ott/2018
Una volta il cavallino era “rampante”, adesso è diventato “sbandante”. Nel senso letterale del termine, ovvero che sta sbandando, andando alla deriva....
Max Verstappen ed Helmut Marko
14/Ott/2018
Avete presente la faccia di un bambino quando chiede insistentemente alla mamma un gelato e si sente rispondere di no?  Bene, più o meno quella che ha...
Sede Dainese
12/Ott/2018
La Dainese entra in Fondazione Altagamma, la prestigiosa associazione che dal 1992 riunisce le imprese dell’alta industria culturale e creativa italiana,...