Seguici anche suFacebookTwitterGoogle PlusYoutube
  • English
  • Italiano
FOCUS
focus arrow
MotoGP 2018. Marquez:"Ho sbagliato e ho chiesto scusa. Non posso fare di più" Haas still not used to racing with F1's 'big boys', says Steiner MotoGP 2018. Spunti, considerazioni e domande dopo il GP di Assen Sergey Sirotkin handed grid penalty for first lap Azerbaijan contact MotoGP 2018. Spunti, considerazioni e domande dopo il GP di Germania MotoGP 2018. Marquez si aggiudica il GP di Spagna F1 Bahrain, Alonso: «C'è margine per sprigionare la nostra forza» Honda gives Hartley 'tactical' engine change ahead of Austrian GP Zak Brown becomes McLaren F1 team's CEO in company restructure F1 Spagna, Hamilton: «Spero di vincere anche qui dopo Baku» Hamilton won't allow 'weak' title defence fears over Mercedes form F1 McLaren, Boullier: «Ci saranno aggiornamenti nei prossimi due GP» Haas: F1 rivals can't believe our bad luck at start of 2018 season F1 Renault, Hulkenberg: «Dobbiamo continuare su questa strada» Formula 1 ends practice of disabling DRS for yellow flags Formula 1 risks diluting US fanbase with Miami race, warns promoter MotoGP 2018. Dovizioso il più veloce nel warm-up a Barcellona MotoGP 2018. Dovizioso: "Arrabbiato e deluso" LIVE - MotoGP 2018. Il GP di Catalunya in diretta How the Spanish Grand Prix exposes Formula 1 driver differences

SkeetGP Authors

Alessandro Sala


Classe 1969, giornalista e provetto maestro gelataio (Kimi sto arrivando!!), il prossimo anno forse pubblicherá "I miei primi 50 anni", senza troppe sfumature, senza troppo grigio.... Dopo la dovuta gavetta in giornali ed emittenti locali, il nostro si è avvicinato al giornalismo "d'assalto" con l'hockey su ghiaccio. Fondatore e redattore di magazines del settore, corrispondente da Milano per diversi quotidiani, ha lavorato anche per alcune emittenti radiofoniche e televisive. Esperienze anche in uffici stampa e di gestione di un centro sportivo; dopo un cambio di vita, il trasferimento in Spagna nel 2005, il passaggio da taccuini e microfoni, a coni e coppette, alla gestione di gelaterie e ristoranti, Alessandro Sala si è riavvicinato a tutta velocità al suo mestiere con la Formula 1, senza tralasciare tuttavia le sue dolci evoluzioni gelatiere...


Emilio Pérez De Rozas


Emilio Pérez De Rozas

Nipote di fotografo, figlio di fotografo, fratello di fotografo, Emilio Pérez de Rozas Arribas (Barcellona, 8 giugno 1952) era predestinato ad essere fotografo e giornalista. Che è quello che cerca di essere. Laureato in Scienze dell'Informazione presso l'Università Autonoma di Bellaterra (Barcellona), è stato responsabile per lo sport di importanti giornali generalisti come Diario de Barcelona, El País e El Periódico de Catalunya, oltre a tenere seminari sulla stampa sportiva nelle tre università catalane di giornalismo. In questo momento è "redattore capo", con piena libertà di movimento, a El Periódico. Sebbene la sua attività quotidiana si concentri sul calcio e sul Barça, la sua grande passione è stata il Motociclismo, per l'esattezza dal 1982 quando ha iniziato a seguire con regolarità il Campionato del Mondo concentrandosi sulla MotoGP. Ha scritto due libri su Marc Márquez e uno sul titolo mondiale conquistato in Moto3 dal fratello Àlex.


Enrico Biondi


Enrico Biondi

Enrico Biondi, 67 anni, giornalista. Nato a Torino, si sente figlio del mondo. Dalla mamma romana eredita l'amore per la buona cucina, dal papà riminese quello per i motori. Entra a La Gazzetta del Popolo nel 1971, vera fucina di grandi maestri giornalisti. Inizia con la F1 e fa in tempo a vedere il successo di Jody Scheckter (Ferrari, 1979). L'anno successivo passa a La Stampa, prima si occupa di Rally e vive le stagioni mondiali delle mitiche Lancia. Poi, per 22 anni, gira il mondo e assiste a tutti i trionfi di Capirossi (3 mondiali), Biaggi (6) e Valentino Rossi (9) oltre a quelli di Doohan, Criville, Stoner e ovviamente Pedrosa, Lorenzo, Poggiali, Simoncelli in classe 250. Da 15 anni vive gran parte del tempo a Mentone. Frase preferita: sapete la differenza tra un genio e uno stupido? Che il genio ha dei limiti...


Ermanno Frassoni


Ermanno Frassoni

Ermanno Frassoni, venuto alla luce a Torino il 7 dicembre 1984 sotto il segno del Sagittario. Gli piace ricordare di essere nato lo stesso giorno, lo stesso mese e lo stesso anno del pilota di Formula 1 Robert Kubica. Giovanissimo, si entusiasma per le imprese di Senna, Prost e Mansell che segue nei GP in televisione. Nel 2005 fonda la rubrica online di Arte, Attualità, Media, Narrativa, Sport e Tendenza “L’Angolo del Webmaster”. Tra il 2008 e il 2010 vira in direzione motorsport collaborando nelle vesti di redattore con i siti web eRaceMotorBlog, RacingWorld e Stop&Go. Dal 2011 al 2013 abbraccia l’avventura del network MotorInside. Nel 2011 inizia a lavorare in teatri, fiere e musei torinesi gestendo in prima persona i rapporti con il pubblico. “Per me il Teatro Carignano è come Montecarlo per Ayrton”, dice di sé divertendosi molto. Dal 2013, per un quinquennio, sulle pagine del sito Motorsport Rants tiene la rubrica “Push to Rants”, un corsivo che racconta le corse da un punto di vista non convenzionale. Tra i suoi interessi anche il marketing e gli eventi.   


Marcel Vulpis


Marcel Vulpis

Romano - classe 1968 - giornalista professionista, economista, ha iniziato a scrivere nel 1992 per il quotidiano nazionale "ItaliaOggi" (ha coordinato dal 2004 al 2013 la rubrica "Marketing Sport"). Nel 2004 ha fondato e ideato l'agenzia giornalistica "Sporteconomy" market leader nell'informazione nazionale ed europea dedicata allo sport-business. Docente universitario dal 2016 presso la Facoltà di Economia e Commercio sul tema "Crossmedialità nella Sports Industry". Opinionista televisivo sempre sui temi dello sport-business prima su SkySport24 e SkyTG24, successivamente a RaiSport, Rainews24, Sportitalia e MediasetSport. Nel 2018 ha fondato l'Associazione Italiana eSports di cui è presidente. Su SkeetGp tratta i temi di economia applicati al mondo dei motorsports (F.1, motomondiale, Formula E, Rally, ecc.)


Massimiliano Garavini


Massimiliano Garavini

Massimiliano Garavini, 45 anni, romagnolo, nella vita si occupa di comunicazione d'impresa, marketing e gestione di un progetto imprenditoriale relativo al benessere e alla cura della persona. Giornalista, segue da anni la critica letteraria, la politica e il motociclismo sportivo. Non necessariamente nell'ordine. Ha una rubrica culturale su di una radio locale, scrive per riviste e online nazionali, presenta libri e autori. Segue la comunicazione per un'associazione culturale che organizza un festival dedicato al verde e all'ambiente, una rassegna di musica sacra e un quartet jazz. Ama la letteratura, i bulldogs (cani), la buona tavola e la buona scrittura. Detesta i luoghi comuni, le banalità e il pensiero omologato. Per natura portato al cambiamento e alle sfide, vive da uomo libero.