• English
  • Italiano
FOCUS
focus arrow
First impressions of Ferrari's new man at the helm in Formula 1 Mercedes to make Bottas/Hamilton team orders call after Italian GP Lewis Hamilton wins F1 Russian GP after Mercedes team orders Former Ferrari chief Sergio Marchionne dies F1 Ungheria, Bottas: «Peccato essere finito in quinta posizione» F1, Vettel dà il benvenuto a Monza F1 title rivals Hamilton, Vettel set to use upgraded engines at Spa F1 Williams, Kubica: «Nel 2012 dovevo guidare per la Ferrari» Monza, Pietro Benvenuti nuovo direttore generale dell’Autodromo MotoGP 2018. I temi del GP della Repubblica Ceca McLaren's 2007 Formula 1 title meltdown plays on Mercedes' mind F1 Monza: pauroso incidente per Ericsson, illeso 2016 F1 champion Rosberg says Hamilton's Q1 failure worried him Force India a major threat to Renault for fourth in F1 - Sainz MotoGP 2018. Marquez: "Sono al settimo cielo" Daniel Ricciardo sets new Red Bull F1 contract deadline after delay F1 Mercedes: Costa si defila, il team si riorganizza Formula 1 teams set to discuss Sauber's Italian GP DRS problems F1 Austin, Hamilton: «Mick Schumacher è in gamba, non ha solo il cognome» F1, Giappone: flop Ferrari, la vittoria di Vettel ora è a 8,00

PISSI PISSI BAU BAU MESSICANI

Jacques Villeneuve, Campione del Mondo Formula 1 nel 1997
Jacques Villeneuve, Campione del Mondo Formula 1 nel 1997
Flavio Briatore punge
Flavio Briatore punge
Gary Connelly messo sotto accusa da Verstappen
Gary Connelly messo sotto accusa da Verstappen
Kvyat appiedato senza neppure un grazie
Kvyat appiedato senza neppure un grazie
Massa pronto all'addio. O forse no
Massa pronto all'addio. O forse no
Max Verstappen, violente accuse ai commissari
Max Verstappen, violente accuse ai commissari
Alonso e la cabala!
Alonso e la cabala!

GPizza&F1chi

KVYAT, NEPPURE UN GRAZIE

Lo hanno messo alla porta pochi minuto dopo aver conquistato un punto nel Gp degli Stati Uniti. Alla faccia del ringraziamento! Per Daniil Kvyat la vita ricomincia a 23 anni. Già, perché da adesso in poi la sua carriera in Formula 1 è stata azzerata di colpo. La Toro Rosso lo ha appiedato e non gli ha permesso neppure di salutare tecnici e meccanici. E pensare che era stato convocato a Austin per occupare il posto di Carlos Sainz, passato in Renault. Un ritorno al passato? Macchè, arrivederci e… basta. Un grazie nemmeno lo ha ricevuto. Così va il mondo, così va la Formula 1 del ventunesimo secolo. Che tristezza.

 

MAX NON SI SCUSA

Max Verstappen ha dato dell'idiota al commissario di gara che domenica scorsa a Austin gli ha fatto perdere il podio. "Ma non volevo offendere nessuno- dice - altrimenti avrei anche detto il nome dell'idiota". Bene così. La Fia, che in un caso analogo aveva ammonito Vettel, si aspetta delle scuse. Che a questo punto sarebbero davvero spontanee.

 

I SASSOLINI DI FELIPE

Kubica? Onestamente non so se riuscirei a fare le cose che fa lui con una sola mano. Impossibile non pensare che avrà dei problemi”. “Di Resta? Non penso sia il pilota giusto per la Williams. Deve sviluppare la macchina e portare a Casa dei risultati. Vi pare poco?”. Parole e musica by Felipe Massa che con un piede già fuori dalla F1 si sente “sereno e rilassato. I tempi in cui mi arrabbiavo sono passati da tempo”.

 

BRIATORE IL PICCONATORE

Il grande Flavio ci è andato giù pesante con la Ferrari riguardo il mondiale Costruttori perso ancora una volta. Al quotidiano Marca che lo intervistava, Briatore è stato esplicito e oltremodo sarcastico: “Vincere un mondiale costruttori con Raikkonen in squadra non penso sia possibile. Per farlo, devi avere due piloti competitivi”. C’è qualcino che ha intenzione di smentirlo?

 

JACQUES VILLENEUVE, 20 ANNI FA

Vent’anni fa, il 26 ottobre, Jacques Villeneuve vinceva sul circuito di Jerez il titolo mondiale con la Williams. Ma la sua vittoria (in gara arrivò terzo dopo un accordo con le McLaren che ancora oggi fa discutere) è ricordata soprattutto per la sportellata (sembra che in Ferrari vada di moda…) rifilata da Schumacher al canadese. Il ferrarista aveva un punto di vantaggio in classifica su Jacques, ma il suo gesto considerato di ritorse contro di lui che finì nella ghiaia, impossibilitato a rientrare in pista. Per quella manovra Michael perse anche il 2° posto in classifica.

 

 

 

I NUMERI DI FERNANDO

Alonso ha un numero fortunato, il 14, e un altro numero che invece lo tormenta, il 35. Sono 35 le posizioni di penalità che subisce per sostituire l'intera power unit Honda. "È importante avere componenti nuove nelle ultime gare", il suo commento diplomatico. Coraggio, ancora tre Gp e il motore Fernando lo cambierà davvero (con quello Renault).